Litorale tra Tarquinia e Montalto di Castro (IT6010027) - Azioni di intervento

Azione C.3:

SIC “Litorale tra Tarquinia e Montalto di Castro” – Creazione di un “Giardino Botanico Dunale” finalizzato alla conservazione e al recupero di habitat dunali d’interesse comunitario.

Gli habitat dunali ricadenti all’interno del perimetro costiero del pSIC “Litorale tra Tarquinia e Montalto di Castro” (Codice Direttiva Habitat, 2250*, 2210*, 2120, 2110, 1210), mostrano evidenti segni di stress ecologico dovuto (i) all’eccessivo calpestio dovuto ai turisti, (ii) ad una gestione pregressa non naturalistica dell’area e (iii) ad una pressione antropica non regolamentata. In base ad esperienze recenti di successo in ambiti similari e in ambito LIFE-Natura (es.: Living with the Sea), l’azione si propone di realizzare attraverso interventi di ingegneria naturalistica (uso di reti per permettere la colonizzazione vegetale e ridurre l’erosione dunale),il recupero di circa 30 ettari di spiaggia dunale (1.500 m x 200 m). L’area sarà interessata da infrastrutturazione leggera (staccionature, percorsi pedonali con passerelle in legno, pannellistica, struttura prefabbricata di 40 m quadri in legno da adibire a centro visita e/o di distribuzione di materiale informativo) atta a delimitare superfici idonee al recupero della vegetazione dunale. Si terrà conto anche delle indicazioni espresse nei documenti del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio (Quaderni Habitat: 4 – Dune e spiagge sabbiose. L’area non sarà interdetta al pubblico: le staccionature delimiteranno essenzialmente i sentieri che permetteranno l’accesso alla spiaggia.

Azione D.3:

SIC “Litorale tra Tarquinia e Montalto di Castro”: Attività di monitoraggio, manutenzione e sorveglianza dell’area dunale denominata “Giardino Botanico Dunale”

Gli ambienti dunali sono dal punto di vista ecologico ambienti “fragili” il cui equilibrio dinamico è determinato da un complesso di fattori biotici e abiotici. Per tale ragione è necessario attuare attività di monitoraggio scientifico annuale atto a valutare gli effetti degli interventi sul recupero spaziale da parte della flora e della fauna (in particolare di Testudo hermanni) degli ambiti dunali. Tale attività sarà supervisionata da esperti universitari. La manutenzione, la sorveglianza e la gestione delle infrastrutture leggere realizzate sarà affidata tramite convenzione ad una azienda e/o cooperativa locale. Sarà stipula una convenzione con enti universitari. Il monitoraggio, la manutenzione e la sorveglianza del Giardino Botanico Dunale consisterà in una raccolta periodica annuale delle essenze vegetali nell’area dell’intervento e di un censimento faunistico (rettili, invertebrati d’interesse, uccelli). Sara coinvolto personale universitario (2 ricercatori). La manutenzione e la sorveglianza e la gestione dell’infrastruttura leggera sarà affidata tramite convenzione ad una cooperativa /azienda locale.